We'll use the one thing we've got more of - that's our minds

Una Finlandese alle Hawaii

A volte

Nell’estate dell’88, quella per me di passaggio fra i quattro e i cinque anni, pensando a un bel regalo da portare a mia nonna, arrivai alla conclusione che non avrei potuto scendere a compromessi. Così decisi di portare “il mare”, letteralmente. Colmai un secchiello di sabbia e feci ritorno a casa, fiera. Mia nonna, quel secchiello, lo ha conservato per tutta la vita, come un trofeo. E io continuo a conservarlo per lei, ora. Perché a volte non importa quanto possa esser stupida una cosa, il suo valore specifico, se nessuno capisce. A volte conta solo l’amore. 

Non riesco più a sognare ad occhi aperti. Così ho iniziato ad addormentarmi alle 9.

Si piange sempre per la bellezza. Per quella che si ha davanti o per quella persa.

http://youtu.be/uUcKeKt8C1k

Prima impari a non fidarti di nessuno.
Poi accetti il fatto che gli altri possano ferirti.
Poi, le persone, finisci per non aspettarle nemmeno più.
E nel mentre, impari a fingere bene.

Doc Hollywood è un film che ho sempre adorato. Parla della provincia, di grandi sogni, di imprevisti e ancora di provincia. Perché è importante mirare in alto, ma a volte è proprio quella cosa che va storta sulla strada e che non ti aspettavi, soprattutto che non cercavi, a farti capire qual è il tuo posto nel mondo.

Il babbo, pover’uomo, cerca di interagire con me e mamma per chieder consigli sul programma della lavatrice da utilizzare. Dopo esser incappato in me, distrutta e con l’occhio bovino, prova a far uscire dal suo torpore mamma. La donna riversa su di una sedia, con mandibola cadente continua a chiedere “che asciugamani?” in loop, come destata da un incubo.
L’uomo si avvia dunque in soffitta. La femmina invece sostiene di esser preoccupata per esser stata colta nel sonno con la stessa fisionomia di Recoba. Dopo ipotizza la possibilità di aver contratto l’ebola. Come me ore prima. Partono discussioni collettive sullo stato di conservazione di Piero Angela. Notte che è meglio.

Marcus Loeber - Sarabande

(Source: youtube.com)

Brutta giornata!?! Pensiamo tutti a come deve essersi sentito Rex quando, dopo aver già sopportato l’onta di Kaspar Capparoni ed Ettore Bassi, ha saputo che il suo partner sarebbe stato Francesco Arca. 

L’uggioso mal di testa che mi affligge oggi, senza nemmeno la soddisfazione di avere a monte bagordi, mi rende indisponente. Irrequieta di fronte alla pochezza di taluni e alla spocchia di talaltri. Insomma, se da una lato spero di esser vittima di bombardamenti culturali, dall’altro vorrei solo avere ancora un videoregistratore per riguardare Senza Filtro (il film) degli articolo31. Sì, ho capito, preventivamente me ne vado affanculo. E a passo svelto. 

TRUE STORIES

- Silvia, te lo devo dire, sei uno schianto!
- Vedessi quello dell’altra macchina!

Comunque io stamani ho parlato con una, manifestando la mia volontà di abbandonare tutto per dedicare la mia vita ai gatti. Questa, che mi pareva una scaltra, mi ha dato il suo benestare. Poi sono tornata a casa e mia madre sbraitava, come sempre, inveendo contro la televisione e la chiusura dei manicomi. Chissà. 

Ché è certo tu sia quello sbagliato.
Sentissi come si fa corto il respiro quando non ci sei.

Non

Non mi sono mai sentita così brutta, come da quando ti ho conosciuto.
Non mi sono mai sentita così viva, come da quando ti ho incontrato.
E non so di che farmene ora.
Di tutto.
Del niente.
Non.

La stanchezza è una gattara triste che si morde la coda.

Auguri Tesoro!!!! geakaren

P.S.: Joey impalla proprio il 2! Il solito burlone!

Auguri Tesoro!!!! geakaren

P.S.: Joey impalla proprio il 2! Il solito burlone!

(Source: bigtimefriends123)

ETCETERA theme by Hrrrthrrr